L'impatto della "pandemia-2020" sul mercato Forex, soprattutto negli Stati Uniti

All'inizio del 2020, precisamente a marzo, si è verificata un'epidemia di pestilenza che ha colpito il mondo intero e che per alcuni motivi verrà chiamata "Pandemia 2020". 

Questa epidemia ha portato alla morte di milioni di persone in tutto il mondo e le aziende sono state costrette a chiudere; alcuni temporaneamente e molti altri permanentemente altri effetti generali devastanti della "Pandemia 2020" sono stati sperimentati in tutto il mondo.

In questo articolo esamineremo l'impatto che la "Pandemia-2020" ha avuto sul mercato Forex.

Impatti della "Pandemia-2020" sul mercato Forex in tutto il mondo.

A seguito dell’applicazione della legge sull’obbligo di restare a casa, i governi di tutto il mondo hanno dovuto aumentare la propria spesa per compensare fornendo controlli palliativi e di stimolo per l’aumento della chiusura delle imprese e del tasso di disoccupazione.

Questo incidente ha portato a una diminuzione dei viaggi d’affari che ha creato un deficit e ha avuto un impatto sui tassi di cambio in tutto il mondo.

Come si crede generalmente, il mercato Forex è influenzato dalla domanda e dall’offerta che influenzano i tassi di cambio.

Pertanto, quando questi fattori vengono influenzati, si ha un effetto anche sul mercato globale estero.

Impatto della "Pandemia 2020" sul mercato Forex statunitense.

In questa sezione discuteremo due importanti impatti che la “Pandemia-2020” ha avuto sul mercato statunitense attraverso due fattori;

  • Indice di rigore
  • Tasso di disoccupazione

Considerare questi due diversi fattori aiuta a comprendere sia l’effetto a breve termine che l’impatto a lungo termine che la pandemia ha avuto sul mercato statunitense.

Indice di rigore

L’indice di rigore ci aiuta fondamentalmente a valutare e comprendere la risposta dei singoli governi alla “pandemia 2020” sulla base di nove fattori.

Questi includono la chiusura delle scuole; chiusure di luoghi di lavoro; annullamento di eventi pubblici; restrizioni sulle riunioni pubbliche; chiusure dei trasporti pubblici; requisiti di permanenza a casa; campagne di informazione pubblica; restrizioni ai movimenti interni; e controlli sui viaggi internazionali.

Dopo un’ampia ricerca indipendente condotta dalla Georgia Southern University, si è concluso che maggiore è il numero di casi segnalati in aumento in un paese, maggiore è l’instabilità economica.

Ciò significa che quanto più alto è l’indice di rigore di un paese, tanto più stabile è l’economia di quel paese.

A causa della negligenza iniziale del governo degli Stati Uniti nel fornire misure per proteggere la sua popolazione dalla “Pandemia 2020”, gli investitori sono rimasti in uno stato di confusione su dove fosse il porto sicuro perché il dollaro americano era generalmente considerato il valore sicuro. rifugio durante i periodi di incertezza.

Ciò ha portato le valute estere a rafforzarsi rispetto al dollaro USA da aprile 2020 a dicembre 2021. 

Lo ha rivelato il grafico dell'indice delle valute estere.

Dal grafico sopra si può vedere che le valute estere si stavano lentamente deprezzando rispetto al dollaro USA, ma all'inizio della "Pandemia-2020" nel marzo 2020, si è verificato un netto calo. Ciò ha dimostrato che il dollaro USA è caduto rispetto ad altre valute estere.

Il forte calo del dollaro USA è stato il risultato della reazione a breve termine degli investitori a causa dell'incertezza sulla reazione del governo americano alla pandemia.

Ma dopo che gli Stati Uniti sono diventati cruciali nel contribuire ad alleviare la pandemia, insieme all’approvazione dei vaccini e dopo alcuni persistenti messaggi politici da parte del governo statunitense, è stata ripristinata la fiducia negli investitori che ha portato all’aumento dell’indice del dollaro USA rispetto ad altre valute estere.

Da qui il trend rialzista nell’ultima parte del grafico.

Alla fine, con tutta l’incertezza che circondava la “Pandemia 2020”, investire nel dollaro statunitense era evidentemente l’opzione più sicura per gli investitori.

L’indice di stringenza è stato un fattore a breve termine che ha influenzato il mercato Forex.

Fonte Georgia Southern University.

Ora esaminiamo l'altro fattore, la disoccupazione.

Disoccupazione

In un webinar ospitato da Rifinitivo, Wilson Leung, capo stratega del mercato presso la società di consulenza commerciale TrendsetterFX, ha parlato tra le altre cose dell'effetto a lungo termine del tasso di disoccupazione causato dalla "Pandemia 2020".

Si è concluso che le perdite di posti di lavoro a seguito della “pandemia 2020” sono salite alle stelle, raggiungendo nuovi livelli che non erano stati raggiunti nemmeno durante la crisi finanziaria globale del 2008.

Di seguito è riportato un grafico a supporto di questo fatto.

Per metterlo nella giusta prospettiva, Leung spiega inoltre che all’inizio della Grande Depressione nel 1929, la disoccupazione statunitense si stabilizzò a 3,2%. Un decennio dopo, nel 1938, era salito a 19%.

Ha inoltre affermato che la disoccupazione non è stata colpita così gravemente durante la crisi finanziaria globale; raggiungendo un picco all’inizio del 2009 a 9,9% negli Stati Uniti, per poi migliorare costantemente fino a un minimo di 3,5% nel 2019 e all’inizio di quest’anno.

Ma come avete giustamente intuito, durante la “Pandemia 2020”, più di 26 milioni di americani hanno fatto domanda per l’indennità di disoccupazione. Alcuni economisti, come Justin Wolfers dell’Università del Michigan, hanno calcolato e stimato che la disoccupazione avrebbe raggiunto il livello di 13% e sarebbe ancora in forte aumento.

Questo effetto a lungo termine sull’economia ha portato ad un aumento della domanda del dollaro mentre gli investitori cercavano una valuta rifugio.

Conclusione

In conclusione, la "Pandemia 2020" ha lasciato un segno indelebile sul mercato forex, in particolare negli Stati Uniti

La "Pandemia 2020" ha sottolineato l'importanza dell'adattabilità nel mercato Forex, dove investitori e trader hanno dovuto navigare nelle acque incerte causate dalla crisi. 

Ha inoltre riaffermato lo status del dollaro statunitense come rifugio sicuro preferito, con il suo valore in ripresa con il miglioramento della situazione.

Alla fine, la “Pandemia 2020” ha dimostrato l’interconnessione degli eventi globali e dei mercati finanziari, sottolineando la necessità di flessibilità e vigilanza di fronte a sfide inaspettate. 

Mentre il mondo va avanti, è essenziale per i partecipanti al mercato come te trarre preziose lezioni dal passato e continuare ad adattarsi alle dinamiche in evoluzione del mercato Forex.